Contenuto principale

Messaggio di avviso

Copertina Libro il ceppo

In un piccolo paese dell'Aspromonte, nel periodo compreso tra la prima e la seconda guerra mondiale, vive una piccola comunità di pastori e di contadini. Maria, la protagonista di questo romanzo, è un'adolescente che non ha mai conosciuto il gioco perché occupata fin da piccola ad aiutare la madre in casa e a far crescere gli altri fratelli. Il padre è un pastore e un giorno, all'insaputa di Maria, la promette sposa ad Andrea, massaro anche lui. Comincia così per la giovane un calvario di fame e di miseria dal quale è molto difficile uscire... 

Nell'attesa che il libro venga presentato ad Africo è possibile acquistare il libro online da IBS.it

GIOVANNI GLIGORA, africese, è nato a Melito di Porto Salvo in provincia di reggio Calabria e vive ad Abbiategrasso in provincia di Milano.

 

 

A Casalnuovo l’omaggio in poesia di Giovanni Gligora, lo scrittore africese, autore de “Il ceppo”

 

E' passato più di mezzo secolo da quando ho visto l'ultima volta il paese di Casalinuovo. Sono ritornato questa estate in Aspromonte con alcuni amici: Bruno Palamara, Angelo Gligora e Roberto Laruffa per visitare ciò che è rimasto dell'antico abitato. Attratti da un unico filo invisibile, carico di emozioni e sentimenti, abbiamo cercato, oltre che con le foto, di saziare la nostra vista, raccogliendo in modo spasmodico tutti i particolari del borgo: rughe, stradine, chiesa, asilo e, persino, la casa dove è nato Bruno e il famoso portone, ove su uno scalino di casa di donna Rosaria, perpetua di don Pisano, un mio zio mi ha scattato una foto nel 1954. Sono riuscito a riconoscere tutte le viuzze,le abitazioni di amici e parenti, la piazza con le fontane, la chiesa e  i luoghi come: Dorgada, Furchi, Cerasia, Previtera, S.Nici, ecc. Ma la prima forte emozione, da farmi togliere il respiro,è stato quando ho bloccato la vettura in vista del Ponte della Zita. Ricordo che, scherzosamente, Roberto mi ha detto che mi tremavano le mani, quando, col cellulare stavo per filmare il Ponte. Comunque, ho pensato di esprimere tutte le mie emozioni, di riesumare tutti i miei ricordi affettuosi con delle immagini tradotte in versi poetici dialettali. Penso di descrivere meglio il mio stato d'animo con una poesia che qui di seguito invio.

 

 

CASALNUOVO 

Oh!!! Pajìsi mèu! Mi sembri nu' presèpiu!
Si ti guardu i supra i Furchi,
si bellu còmu 'ntì na' cartollina
còmu nù bellu quatru di nù pittùri.
Dopu tanti anni tì vìnni a' trovàri
còmu quandu nù 'nnammuratu si và a sposàri.
'U còri trema sulu ca' ti guarda,
ti vijiu da luntànu.ma sentu ancòra
di la chjièsa li campàni sonàri
e lu' jiàvru di la terra bagnata da li funtàni.
Vijiu i gurnèddri e i casteddèddri chi 'ntà chjiàzza facìa.
Ti guardu e tornu arrètu cu' lu tempu e cu 'li pensèri,
u' còri si stringi forti e ciàngi làgrimi amari.
Oh!!!Pajisi meu! Pecchì nò pàrri? Nò si mortu ancòra!
Anche si òjii ti senti sdurrupàtu,
pensa cà tò genti ti vidi giuvani e beddru ancòra
e si ricorda i tìa pùru quandu jiiva 'ntà li campi a faticàri.
Jiettàu sangu e sudùri, ma nò si spèrdiru mai .
Ti dassàru morti,
ma pùru fighji chi sùnnu i jjhjiùri e radici tòi.
Ora scindu.
Vijiu figghjiòli jiòcari,grandi chi nèscinu da' chjièsa,
fimmini chi perìnchjiunu bumbuleddri d'acqua a' li fùntani,
pasturi chi vèninu da Calamittà o da Previtera,da Cerasia o Scrisà
e a tò chjiàzza si perìnchji di stessi perzùni.
Vijiu festi e lutti, figghjiòli chi ciànginu, jiòcanu e rìdunu...
Vijiu vecchjiàreddri seduti 'ndà ruga chi spèttanu i figgji rientràri.
Vijiu a' me casa zanddiliàta, a chjièsa sdubrunata,
non ci sùnnu cchjiù strati pè passari!
Vijjiu tanti casi dirròccati,
pochi finestri,porti e catòjii 'ruvinati,
Ho! Pajiisi meu!!!
Ora nò si nu' prèsepiu di fantasmi,
ma fattu di perzùni chi ti ricòrdanu e ti vonnu beni!
Ti vidìmu sempri e ti portàmu 'ntò còri
e ai nostri figghjii dicimu: comu era beddru 'ntà chjiàzza jiòcari!. 

Giovanni Gligora


’U VECCHJU ’NTA' RUGA

Ora chi ’ntà ruga non àvi cchjù nissùnu
viju sulu fantàsmi caminàri.
Chisti non sùnnu jànchi còmu ’na vòta,
sùnnu senza òcchj e niri
pe’ troppi doluri chi 'ndèpperu affruntàri.
Giranu e rìgiranu pa’ ruga e non sannu aùndi jìri.
Sùnnu stanchi e si sèntunu i sô sospiri.
Vònnu  î  tròvanu ’nu lòcu sicùru 'ntè casolàri
e ‘nu lettu aùndi pe’ sèmpri riposàri.
’Nu vecchju sedùtu supr’ a ’nu scaluni
pari ca’ pensa ’a cosi stràni.
‘U sguardu  ô celu ’nci rivòrgi
e pari ca’ ’na preghèra ’nci volissi fàri.
Pensa a quandu sartàva ’ntè tìmpi chi crapi e chi muntùni,
pariva ca’ ’u tèmpu nò ’nci passava mai.
Notti di tròni e làmpi ’nci facìvanu cumpagnia,
intra ’u paghhjàru si ’mmucciàva, 
cundolùto e chjnu ’i malincunìa.
’U còri ’zzandaliàtu si stringiva,
ma ’u jàvru d’u campu ’u ripigghjàva.
’U tempu passava e ’u vèchhju pensava:
pensava ’i staggiùni chi passàru,
pensava a quandu, figghjòlu, 'ntà ruga jocàva.
Jocàva chi piròci ’ntà primavera
finu a tutta ’a staggiùni.
Jocàva a ’mmùccia ’mmùccia  'ntà l'autunnu ,
ma ’ntò ’mbèrnu ’a nivi 
no’ facìa nescìri pe’ jocàri.
Ora ’u vècchju guarda ’a ruga ’i sùpra e ’i sùtta, 
ma non vidi cchjù nissùnu.
Si senti sùlu, sùlu chi sô pensèri,
non vidi cchjù figghjòli jocàri,
vidi sulu ’u celu niru comu ’u ’mbernu chi si ’mbicina.
Senti sùlu ’u jàvru d’Asprumunti chi ’u fàci ringiuvanìri.
Senti u' jàvru du’ Campu, da’ jinèstra, da’ ruga e... si ’ddormenta.

Giovanni Gligora